Tax credit turismo digitale: il decreto è finalmente legge

Home / News Turismo / Tax credit turismo digitale: il decreto è finalmente legge

Nuove opportunità per le strutture ricettive di entrare nel mercato digitale: approvato il tax credit turismo digitale

Camera d'albergo fronte mare

 Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini è intervenuto alla BIT dichiarando che le misure introdotte dal decreto Art Bonus sono ormai diventate legge.
E’ stato approvato il decreto attuativo tax credit turismo digitale, con il quale si vuole sostenenere la competitività del sistema turistico italiano e favorirne la digitalizzazione.
Le nuove norme al riguardo prevedono nel periodo 2015-2019 il riconoscimento di un credito d’imposta pari al 30% dei costi sostetuti per la digitalizzazione dell’offerta ricettiva.
Lo scopo è quello di migliorare l’offerta turistica italiana, promuovendo al meglio le ricchezze del territorio locale e le varie eccellenze dell’enogastronomia.

Tax credit turismo digitale: chi può accedere al bonus

Il requisito obbligatorio e fondamentale per accedere al tax credit turismo digitale è quello di non svolgere attività ricettiva in maniera occasionale.
Ammesse le strutture ricettive cha vanno dall’albergo ai villaggi albergo, dai condhotel ai marina resort, dagli ostelli per la gioventù alle case per ferie, dai bed and breakfast ai rifugi montani.

Spese ammesse e tempi di domanda del Tax credit turismo digitale

Il decreto dispone un credito d’imposta pari al 30% dei costi sostenuti per la digitalizzazione dell’offerta ricettiva, che sarà ripartito in 3 quote annuali di uguale importo. Questo credito però non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali riguardanti gli stessi interventi.
Le spese ammissibili sono:
– spese relative a impianti wi-fi
– l’acquisto e l’installazione di modem-router
– dotazione hardware per la ricezione del servizio mobile (antenne terrestri, parabole, ripetitori di segnali)
– spese per programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti
– acquisto di software e di hardware (server, hard disk).
La domanda per il Tax credit può essere presentata dal 1° gennaio al 28 febbraio dell’anno succcessivo a quello in cui sono state effettuate le spese e deve essere presentata al ministero dei Beni Culturali in modalità telematica.
Chi ha sostenuto i costi nel corso del 2014 ha a disposizione 60 giorni di tempo per inoltrare la domanda.
Il ministero ha 60 giorni, da quando vengono ricevute le richieste, per vagliarle e comunicare l’esito all’interessanto.
Le domande ammesse, in ordine di presentazione, saranno pubblicate poi sul sito dei Beni culturali.